News

TRA a Casa Robegan

TRA cambia sede
Nuovo progetto
2020 – 2025

Il nostro è stato un lavoro lungo e silenzioso, ma ora possiamo finalmente svelarvi tutto!
Con il nuovo anno TRA si trasferirà a Casa Robegan, parte dei Musei Civici di Treviso, per creare insieme al Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e al Comune di Treviso un anello di connessione e trasferimento sul territorio di saperi e contaminazioni artistiche.
Casa Robegan diventerà il luogo dove impresa e arte si incontrano, per dare vita a nuovi progetti e processi; non mancheranno mostre di arte contemporanea, laboratori, conferenze, workshop e collaborazioni con le associazioni del territorio, con cui ci relazioniamo da anni, che continueranno ad animare i nostri spazi.

Crediamo nel potere di cambiamento che ha la Cultura e non vediamo l’ora di potervi accogliere tra queste nuove mura!

Comunicato Stampa

Rassegna stampa

Pellicole d’Artista

Giovedì 28/05, 04/06, 11/06
Rassegna cinematografica online
In collaborazione con
Cineforum Labirinto e Lago Film Fest

TRA – Treviso Ricerca Arte, in collaborazione con Lago Film Fest e Cineforum Labirinto, presenta “Pellicole d’Artista”, nuovo format di visioni cinematografiche online dedicato a una selezione di film d’artista che ritraggono esperienze e performance nell’ambito del contemporaneo.

L’iniziativa vuole far scoprire e approfondire l’arte contemporanea declinata nel settore cinematografico attraverso la visione di documentari selezionati, proiettati in occasione dell’ultima edizione di Lago Film Fest. Prima di ogni appuntamento, Viviana Carlet, direttrice artistica di LFF, terrà alle ore 18.30 un incontro live Facebook con il regista della pellicola, visibile sui canali social degli organizzatori.

Il primo appuntamento della rassegna, in programma giovedì 28 maggio, è dedicato al film “Più de la vita” (2019) della regista Raffaella Rivi. Selezionato tra i 15 documentari partecipanti alla cinquina dei David di Donatello 2020, il film racconta, in una dimensione intima e concreta, quattro decenni del percorso artistico di Michele Sambin, pioniere della videoarte, ideatore di performances, spettacoli teatrali, opere pittoriche e partiture sonore. L’impresa artistica di Sambin incrocia e sperimenta le diverse tecnologie nel loro evolversi, dal video analogico alla pittura digitale, dagli strumenti tradizionali alla musica elettronica. Attraverso le opere d’archivio e il lavoro quotidiano dell’artista, il documentario offre uno sguardo diretto sull’arte intesa come lavoro concreto che attraversa il tempo e trasforma lo spazio.

L’iniziativa prosegue giovedì 4 giugno con il documentario “Theatron” (2018) del regista Giulio Boato, un ritratto cinematografico di uno dei protagonisti indiscussi del teatro contemporaneo, Romeo Castellucci. Insieme alla sua compagnia, la Socìetas Raffaello Sanzio, negli ultimi trent’anni Castellucci ha messo in scena spettacoli in tutta Europa, diventando uno dei massimi esponenti del teatro d’avant-garde. Sulle note di Vivaldi, Theatron disegna un ritratto dell’artista senza precedenti: tra prove generali e viaggi nei teatri di tutto il mondo, il film è una profonda riflessione non solo sullo spettacolo, ma anche sul legame dell’autore con la rappresentazione della natura umana.

La rubrica si concluderà giovedì 11 giugno con il film “My Home, in Libya” di Martina Melilli, in collaborazione con Stefilm. Filmando la casa dei nonni vicino a Padova, Martina identifica una mappa di luoghi appartenuti al loro passato: Antonio Melilli è nato a Tripoli, quando questa era ancora colonia italiana, e lì ha sposato Narcisa. In seguito al colpo di stato di Gheddafi, i due si sono trovati tra i 20.000 italiani costretti ad abbandonare la Libia nel 1969. Con l’aiuto di Mahmoud, un giovane libico contattato tramite i social media, la regista traccia una mappa dei luoghi appartenuti a quel tempo passato, e li rintraccia nella Tripoli di oggi. Tramite lo scambio di immagini e chat, la relazione tra i due diventa più profonda; il web gli permette di superare pian piano i confini fisici e culturali che separano le loro vite, portandoci all’interno di un mondo nel quale i media non hanno accesso. Presentato al Festival di Locarno e al Chicago International Film Festival, “My home, in Libya” racconta il senso di appartenenza ai luoghi, la memoria individuale e collettiva e come essa lavori sui ricordi, così come il mezzo digitale fa con le immagini.

Per partecipare alla rassegna gratuita “Pellicole d’Artista” iscriviti inviando una mail a:

segreteria@trevisoricercaarte.org / cineforumlabirinto@gmail.com
Tel. 339 644 35 42

Nelle date sopra riportate, riceverai un link per la visione del film, che sarà valido per 7 giorni.

Amici di TRA

In questo momento di difficoltà generale dato dall’emergenza Covid-19, TRA ha deciso di supportare attraverso un gesto simbolico le attività della nostra città che negli anni sono state vicine all’Associazione, comunicando e diffondendo le varie iniziative che vengono portate avanti.

Dal servizio d’asporto alle consegne a domicilio, ecco alcuni link alle iniziative dei nostri Amici (in fase di aggiornamento):

Gustolia: finalmente la riapertura per assaporare chicche gourmet da tutto il mondo e prelibatezze homemade… rigorosamente in vasetto!

Tenuta2Castelli: consegna a domicilio per gustare la qualità dei vini locali direttamente a casa tua!

Cappelletto: non preoccuparti Cappelletto ha riaperto! Scarpe, borse e accessori per tutti i gusti!

Libreria Canova Treviso: un libro è il compagno ideale per ogni momento della giornata (e non serve neanche tenerlo a un metro di distanza!)

La colonnetta: patate ripiene semplici e gustose, finalmente la riapertura per assaporare queste prelibatezze!

Mr. Pokè: ha riaperto! Prova combinazioni di sapori unici direttamente dalla tradizione hawaiana.

De Polo Gioielli: riapertura del negozio! Non perdete l’occasione di acquistare tante idee regalo per stupire!

The Lodge: finalmente si può ripartire con tutta la passione di sempre! Il bar The Lodge riapre!

Sostieni TRA, dona il tuo cinque per mille!

TRA, in quanto Associazione di Promozione Sociale, può ricevere il 5×1000.

Destinarci il tuo, soprattutto in questo momento molto complesso, significa sostenere l’arte contemporanea e aiutare la cultura e la nostra città a ripartire!

Per farlo è sufficiente compilare la sezione dedicata al 5×1000 all’interno dei moduli per la dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Modello Unico persone fisiche e Modello Unico persone fisiche-MINI):

a. inserire il codice fiscale dell’APS “TRA Treviso Ricerca Arte” nell’apposito spazio dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10,c.1,lett a), del D.Lgs n.460 del 1997”;
b. apporre la propria firma nello stesso riquadro.

Il codice fiscale di TRA Treviso Ricerca Arte è: 04154590261

Un Grazie a te che sceglierai di sostenerci!

#TRATTI: l’opera d’arte va in scena

TRA lancia una terza rassegna, che vede questa volta come protagonista il teatro, intitolata #TRATTI: l’opera d’arte va in scena.

Abbiamo coinvolto 15 attori e attrici, che si sono calati nel ruolo di guide e critici d’arte. Ognuno di loro racconta attraverso un breve video la storia di un’opera contemporanea, inventandola, e dando così una personale interpretazione, a volte molto bizzarra. Attraverso sensibilità diverse e fantasia, gli attori si fanno ispirare da ciò che gli evoca il solo fatto di osservare l’opera: non hanno nessuna informazione su autore o significato, di conseguenza ne nascono le interpretazioni più varie, arricchite da stili di recitazione diversi.
Ogni opera è stata parte di una mostra organizzata in passato da TRA: questa diventa dunque una preziosa occasione per ripercorrere insieme le esposizioni realizzate negli anni.

Consapevoli del fatto che un teatro accada solo in uno spazio preciso, ovvero su un palcoscenico, ora difficile da calcare, vogliamo comunque dare voce a questa forma d’arte. Crediamo fortemente nella condivisione tra diverse esperienze artistiche, sempre stando al passo con i tempi: per questo motivo abbiamo scelto i social per farlo!

Preparatevi, da sabato 11 aprile proporremo pillole di interpretazione teatrale con cadenza settimanale. Un’occasione di intrattenimento che non potete perdere, per dare sfogo alla fantasia.

Un rimedio, aggiungiamo, che fa bene all’anima e allo spirito!

Ecco le nostre pillole settimanali di teatro:

1. TRATTI: Alice Piano in Volume di Andrea Cazzagon

2. TRATTI: Marcello Spinetta in Acquasantiera di Ludovico Bomben

3. TRATTI: Renata Palminiello in Different points of view di Tony Cragg

4. TRATTI: Christian di Filippo in Tu_tto di Matteo Attruia

5. TRATTI: Elena Cascino in Tableu “Restaurant Spoerri 27 marzo” di Daniel Spoerri

6. TRATTI: Paolo Carenzo in Compression di Cesàr

7. TRATTI: Petra Valentini in L’art s’en balance di Ben Vautier

8.TRATTI: Ruggero Franceschini in Nudo all’Antica di Matteo Fato

9.TRATTI: Giulia Briata in Le Vedove di Francesco Maluta

10.TRATTI: Leonardo Capuano in Chi perde lava i piatti di Antonio Guiotto

11.TRATTI: Charlotte Barbera in Complicity di Kensuke Koike

12.TRATTI: Beatrice Vecchione in Geometry Pattern 1 di Faig Ahmed

13.TRATTI: Giuliana Vigogna in Ad lib. di Michele Spanghero

14.TRATTI: Matilde Vigna in Tea with the Queen di Jonathan Monk

15.TRATTI: Davide Pascarella in Servo muto ariano di Fabio Mauri

#unartistalive @ TRA Social Takeover

TRA apre il proprio spazio digitale di #Instagram e #Facebook ad artisti con cui ha collaborato in passato per un nuovo progetto di Social Takeover!

Da martedì 24/03, per 24 ore ciascuno, gli artisti a turno gestiranno la pagina Instagram e Facebook dell’associazione, condividendo la propria visione del mondo, per come lo stiamo vivendo oggi. Potrai vedere progetti artistici passati e futuri, lavori inediti, immagini, video, ascoltare riflessioni, leggere scritti, insomma, contenuti di ogni genere (anche l’artista che si fa il caffè).

Vogliamo continuare a proporti l’arte contemporanea (che tanto amiamo) anche in questo periodo grigio, per poter vedere ciò che accade intorno a noi da un altro punto di vista, e per quanto possibile, creare un momento di condivisione per chi ci segue.

Stay tuned, stay home.

Alcune pillole ai seguenti link:

Michele Spanghero_1    Michele Spanghero_2

Antonio Guiotto_1    Antonio Guiotto_2    Antonio Guiotto_3
Antonio Guiotto_4    Antonio Guiotto_5    Antonio Guiotto_6
Antonio Guiotto_7    Antonio Guiotto_8

Rachele Maistrello_1    Rachele Maistrello_2
Rachele Maistrello_3    Rachele Maistrello_4

Christian Fogarolli_1    Christian Fogarolli_2

Matteo Attruia_1    Matteo Attruia_2    Matteo Attruia_3
Matteo Attruia_4    Matteo Attruia_5

Nebojša Despotović_1    Nebojša Despotović_2

Andreco

Ludovico Bomben_1

Maurizio Bongiovanni_1

Matteo Fato_1    Matteo Fato_2    Matteo Fato_3

Marco Andrighetto_1    Marco Andrighetto_2

Francesco Maluta_1

DEM_1

Barbara De Vivi_1    Barbara De Vivi_2    Barbara De Vivi_3

Nežka Zamar_1    Nežka Zamar_2    Nežka Zamar_3

Barbara Prenka_1    Barbara Prenka_2
Barbara Prenka_3    Barbara Prenka_4

108_1    108_2    108_3

Michele Bubacco_1   Michele Bubacco_2

Sulltane Tusha_1

Matteo Valerio_1   Matteo Valerio_2

Antonio Riello_1    Antonio Riello_2

#TRAkids Imparare divertendosi

TRA lancia la rubrica #TRAkids fatta apposta per i più piccini! Un progetto per colmare questo momento di noia e cogliere l’occasione per imparare qualcosa di nuovo.

Pubblicheremo nelle settimane di marzo e aprile delle semplici spiegazioni di alcuni dei più importanti artisti del ‘900! Invitiamo poi tutti i bimbi a prendere spunto dall’opera dell’artista raccontato e, utilizzando la tecnica di questi capolavori, provare a ricreare le loro piccole opere d’arte contemporanea.

Esiste forse modo migliore di imparare se non quello di fare con le proprie mani?!

Taggaci e condividi con noi i risultati dei giovani artisti in erba! Le opere verranno pubblicate qui sul sito di TRA!

Segui il progetto sui nostri canali Facebook e Instagram.

Ecco la raccolta delle proposte:

#TRAkids 1

#TRAkids 2

#TRAkids 3

#TRAkids 4

#TRAkids 5

#TRAkids 6

#TRAkids 7

#TRAkids 8

#TRAkids 9

#TRAkids 10

Pneuma di Christian Fogarolli

TRA supporta Pneuma
progetto di Christian Fogarolli
vincitore della 6. Edizione Italian Council 2019

Il progetto Pneuma di Christian Fogarolli è vincitore del premio Italian Council (2019), realizzato all’interno del programma di promozione di arte contemporanea italiana nel mondo, della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

La ricerca artistica di Christian si concentra sull’immaterialità e l’intangibilità della malattia mentale, analizzando diversi contesti geografici e culturali, mettendo in discussione lo stigma e la categorizzazione creati dai sistemi politici, statali e societari. Il lavoro creato tenta di mostrare quell’intero spettro di soggettività dietro alle diagnosi, che rischia di non essere pronunciato.

Pneuma è un progetto che si distingue per l’intento di scardinare le attribuzioni normative di devianza mentale e le forme di tassonomia canonizzate dalle moderne teorie mediche e metodologie archivistiche occidentali. Partendo dalla Legge 180 che riformò il sistema psichiatrico in Italia nel 1978 e dalla dichiarazione europea di Helsinki del 2005 sulla salute mentale, Fogarolli ha maturato una ricerca preliminare e intrattenuto una successiva collaborazione con alcuni dei maggiori istituti psichiatrici europei, sviluppando un confronto diretto con le persone che abitano e lavorano in questi luoghi, tentando di sfidare con essi i processi di classificazione del disagio psichico e la conseguente marginalizzazione del singolo individuo.
Attraverso viaggi, residenze di ricerca e collaborazioni in dieci paesi, l’artista è entrato in contatto con molteplici realtà europee nell’ideazione di un progetto composto da diverse opere immersive, pensate e costruite in seguito all’interazione con persone in cura, personale medico e ricercatori di varia natura. I paesi coinvolti sono: Italia, Svizzera, Austria, Germania, Francia, Belgio, Olanda, Inghilterra, Romania, Repubblica Ceca.

Aperture europee:

 

Per saperne di più:
Comunicato stampa
Comunicato stampa_EN
Sito web

Sostieni TRA, dona il tuo cinque per mille!

TRA, in quanto Associazione di Promozione Sociale, può ricevere il 5×1000. Destinarci il tuo vuol dire sostenere le numerosissime attività che vengono realizzate ogni anno e aiutarne la crescita.

Per farlo è sufficiente compilare la sezione dedicata al 5×1000 all’interno dei moduli per la dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Modello Unico persone fisiche e Modello Unico persone fisiche-MINI):

a. inserire il codice fiscale dell’APS “TRA Treviso Ricerca Arte” nell’apposito spazio dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10,c.1,lett a), del D.Lgs n.460 del 1997”;
b. apporre la propria firma nello stesso riquadro.

Il codice fiscale di TRA Treviso Ricerca Arte è: 04154590261

Grazie a chi sceglierà di sostenerci!

Tua, Gilda Performance teatrale

TUA, GILDA
(Dite al treno che io passo una volta sola)
Performance teatrale
di e con Elena Cascino, Marta Cortellazzo Wiel e Alice Piano
Produzione Contrasto Teatro

Giovedì 2 maggio, ore 20.45
Sabato 4 maggio, ore 19.00

Giovedì 2 e sabato 4 maggio, TRA Treviso Ricerca Arte propone TUA, GILDA (Dite al treno che io passo una volta sola), performance teatrale che ha come protagonista Gilda, una donna pura di cuore dalle forme sinuose e provocanti.

Innamorata di un uomo, finito in carcere per ricettazione, lo “mantiene come un signore” vendendo il proprio corpo.

Lo spunto drammaturgico si sviluppa a partire da “La Gilda del Mac Mahon” una raccolta di racconti del 1959 di Giovanni Testori.

Il lavoro delle tre attrici nasce dalla consapevolezza che ancora oggi esistono molteplici “Gilde”; da qui la rielaborazione del testo in chiave pop.

In scena si gioca, a partire dal linguaggio testoriano, sulla femminilità ed ironia di una donna devota.

Si consiglia la prenotazione:
0422 41 99 90
segreteria@trevisoricercaarte.org

Ingresso con offerta libera

Convegno: Dire, fare, sostenibilità.

Mercoledì 6 febbraio, ore 15.00
Palazzo Giacomelli – P. Garibaldi 13, Treviso
Dire, fare, sostenibilità. Good practice e spunti per lo sviluppo del territorio.

Intervengono:

ore 15.00 > Creare Valore equivale ad essere sostenibili.
Chiara Mio – Prof.ssa Università Ca’ Foscari di VeneziaConvegno organizzato da Ordine

ore 16.15 > Good practice di sostenibilità:
Tra indicatori numerici e linguaggio artistico: raccontare la sostenibilità.
Cesare Granati – Borsista Università Ca’ Foscari di Venezia e Presidente Associazione                           SCRAPYCLE.

La sostenibilità leva di rinnovamento aziendale.
Sonia Vettorello – Consigliere delegato Vettorello srl.

ore 17.00 > Terristorio, riuso del suolo, siti produttivi.
Giuseppe Cangialosi – Architetto Studio MZC+

ore 17.45 > Misurare la sostenibilità: evoluzione dei sistemi di reporting e assurance.
Carlo Luison – Partner Sustainable Innovation BDO

ore 18.30 > La gestione dei rifiuti. Problematiche attuali e previsioni.
Luca Passadore – Resp. Ambiente e Sicurezza Assindustria Venetocentro

Convegno organizzato da Ordinedei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Assindustria Venetocentro – Imprenditori Padova Treviso e TRA Treviso Ricerca Arte, con il patrocinio di Gruppo Studio per il Bilancio Sociale e Associazione Proetica.
Alle ore 19 seguirà, per chi volesse intrattenersi, una visita alla mostra RE.USE.

Per prenotazioni: g.fuser@ordcomm.it

Scarica locandina

 

CHARTA. RE.design Conte(x)st

IL CONCORSO CHARTA SI È CONCLUSO!
I PROGETTI SELEZIONATI, INSIEME A QUELLI DEI VINCITORI, VERRANNO PRESENTATI IN SETTEMBRE NELLA SEDE DI TRA.
PER ORA POTETE VISIONARE GLI ESITI >>> QUI

CHARTA. RE.design Conte(x)st è un concorso nazionale rivolto a studenti di Architettura, Design, Grafica e giovani professionisti Under 40. Cerchiamo nuove soluzioni innovative e intelligenti per trasporto e imballaggio di articoli ortofrutticoli, declinate in chiave creativa e sostenibile.

Il concorso è un evento collaterale della mostra “RE.USE Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea” in programma a Treviso fino al 10 febbraio 2019. Viene lanciato dall’azienda TREVIKART #Greendesign (Gruppo PRO-GEST), leader nel settore della produzione di mobili e complementi in cartone ondulato e packaging alimentare, in collaborazione con l’associazione culturale TRA Treviso Ricerca Arte.

Ci siamo chiesti: “Può una cassetta della frutta divenire un oggetto domestico che ne rivoluzioni l’uso, la reinventi e in questo modo le dia una seconda vita?”

L’obiettivo del concorso infatti non è solo quello di disegnare soluzioni innovative e intelligenti per il trasporto e l’imballaggio di prodotti ortofrutticoli made in Italy, ma sopratutto ripensare come esse, una volta esaurita la funzione originaria, possano trasformarsi in ‘oggetti altri’ d’uso quotidiano, tramite azioni di (ri)taglio, piega e/o incastro del cartone ondulato.

CHARTA. RE.design Conte(x)st, nasce dalla collaborazione tra la valorizzazione della creatività propria di TRA e la mission green del Gruppo Pro-Gest, che fa della carta da macero la propria materia prima, e vuole in questo modo promuovere l’azione del riciclo quale pratica virtuosa: costruiamo un rapporto diretto tra creatività, industria sostenibile ed ecologia, stimoliamo strategie di responsabilità verso l’ambiente, riconosciamo allo scarto dignità e soprattutto potenzialità progettuale. I prototipi oggetto del concorso, andranno quindi a tracciare un fil rouge tra utilità, impegno e design.

DOWNLOAD

RE.USE Visita-gioco per bambini

RE.USE Visita per bambini (6-11anni)
Sabato 29 dicembre, ore 15:00
Museo di Santa Caterina

Una visita guidata per bambini? Certo!
“RE.USE Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea” è una mostra che si presta ad essere visitata (soprattutto!) dai bambini. L’utilizzo in arte di oggetti di uso comune e di scarti richiede infatti di pensare fuori dagli schemi, oltre che molta fantasia. Così come i temi ecologici e ambientali ben si adattano ad aumentare la consapevolezza nei bambini in modo alternativo.

Sabato 29 dicembre TRA propone ad un gruppo di massimo 10 bambini una visita-gioco alle tre sedi della mostra. Un’occasione per imparare giocando, attraverso un approccio pratico e coinvolgente che si avvale di vari strumenti adatti ai più piccoli.

INFO PRATICHE:
> Ritrovo ore 15:00 al Museo di Santa Caterina;
> La visita terminerà alle ore 18:00 a Casa Robegan;
> Massimo 10 bambini (I genitori non possono partecipare);
> Contributo per la partecipazione 10,00€.

 

RE.USE … presto maggiori informazioni!

RE.USE. Scarti, oggetti ed ecologia nell’arte contemporanea
A cura di Valerio Dehò
27.10.18 – 10.02.19
Treviso

Ala Foffano e Sala Ipogea – Santa Caterina;
Museo Casa Robegan;
Piano Nobile Ca’ Dei Ricchi;

Il progetto RE.USE ruota intorno ad un importante evento artistico, che consiste nella realizzazione di una mostra di arte contemporanea dislocata in tre diversi spazi espositivi della città, di cui due museali.
Oltre alla mostra, il progetto prevede la realizzazione di una serie di eventi collaterali di carattere culturale e non solo sul tema, tra cui incontri con gli autori, laboratori per bambini, visite guidate, ecc.

La mostra si propone di documentare in un arco cronologico che va dai primi decenni del Novecento fino ai giorni nostri, il rapporto che l’arte ha avuto con gli oggetti d’uso comune e con gli scarti, attraverso un percorso in grado di delineare e mostra-re diversi approcci, correnti artistiche, ma anche singole opere fondamentali nella storia dell’arte.

Presto maggiori informazioni!

Sole Luna Doc Film Festival

XIII edizione
10 – 16.09.2018
Palazzo dei Trecento, TRA a Ca’ dei Ricchi, Treviso

Quest’anno il festival proporrà una trentina di film in concorso divisi in 3 sezioni. Documentari che trattano tematiche inerenti i diritti umani e storie di identità culturali all’interno della sezione di concorso Human Rights. Altra sezione è The Journey, viaggio antropologico alla scoperta di sé e della propria identità. La sezione Short Docs è invece dedicata alla priezione di cortometraggi. Fuori concorso verranno proiettati tre documentari dedicati al cibo e alla sostenibilità ambientale nella rassegna Food for life. Sarà presente inoltre una retrospettiva sul documentario musicale dal titolo Music in doc.

Puoi trovare il calendario delle proiezioni qui.