Visite

Biennale Arte, Venezia – Arsenale

Trasporti d’arte
visita a cura di Carlo Sala

Concludiamo la visita alla 57. Biennale Arte VIVA ARTE VIVA nella sezione dell’Arsenale, sempre con la guida di Carlo Sala. Avremo modo di vedere le opere di Franz Erhard Walther – Leone d’oro per il migliore artista della mostra, di Hassan Khan, Leone d’argento come miglior artista promettente con la sua installazione interattiva nel Giardini delle Vergine, oltre al Padiglione Italia, curato da Cecilia Alemani con le tre installazioni di Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey e Giorgio Andreotta Calò.  La visita è dedicata all’esplorazione dell’Arsenale e si svolgerà dalle ore 9.45 (con ritrovo davanti alla biglietteria) alle ore 17.00. Per partecipare alla visita è necessaria la prenotazione e il versamento anticipato della quota. Il costo è di 10,00€ (comprensivo di guida). Ogni partecipante dovrebbe infatti essere già munito di biglietto, essendo valido quello utilizzato per la visita precedente. In caso contrario vi preghiamo di comunicarcelo al momento della prenotazione.

Per info e prenotazioni: 0422 419990 / 339 6443542  segreteria@trevisoricercaarte.org

Street art a Belluno in bicicletta

18 giugno, ore 8
per la rassegna ‘The bike is the fucking message’
in collaborazione con Fiab di Treviso

TRA Treviso Ricerca Arte, in collaborazione con Fiab di Treviso, organizza una pedalata all’insegna della street art a Belluno. L’escursione si propone di offrire una panoramica del territorio attorno a Belluno e della produzione artistica di strada.
Durante il percorso si visioneranno, in compagnia di una guida, le opere murali prodotte da diversi artisti in occasione del progetto Clorofilla – Arti pubbliche condivise 2016, ideato e realizzato dall’Associazione Casa Dei Beni Comuni di Belluno, con lo scopo di dare nuova vita a superfici e spazi dimenticati del territorio bellunese. Sono muri che raccontano storie, idee, fantasie, frutto del lavoro di molti artisti provenienti da tutto il mondo.

Il percorso seguirà parte della ciclabile Cortina/Feltre.
La partenza è prevista con il treno delle Dolomiti (ore 8.21 in stazione a Treviso) con il quale arriveremo a Ponte nelle Alpi. Seguendo strade secondarie e tratti di ciclabili, ci dirigeremo verso il centro di Belluno. Sfruttando il supporto di Casa Dei Beni Comuni, faremo un piccolo ciclotour di circa un’ora alla ricerca di espressioni di arte urbana, per poi riprendere in direzione di Ponte delle Alpi, ripercorrendo per qualche chilometro la strada dell’andata.
La pausa pranzo, al sacco, sarà presso la ex-caserma Piave, ora Casa Dei Beni Comuni, esempio locale di riutilizzazione a scopi (anche) artistici di beni pubblici dismessi.
Ripresa la bici torneremo a Ponte nelle Alpi da dove procederemo verso sud in direzione Lago di Santa Croce, percorrendo un tratto (molto bello) della Monaco/Venezia.
Il rientro è previsto con il treno delle ore 18.41 dalla stazione per l’Alpago.

Costo di partecipazione 18€ (treno + organizzazione)

Scarica il programma qui.

57. Biennale Arte – Giardini

Trasporti d’arte
visita a cura di Carlo Sala

Eccoci nuovamente pronti per portarvi in Biennale!
Quest’anno tocca all’arte e a guidarci tra i vari padiglioni nazionali della 57° Esposizione Internazionale dal titolo “VIVA ARTE VIVA”, curata da Christine Macel, ci sarà, come ormai da tradizione, Carlo Sala. VIVA ARTE VIVA, titolo di questa Biennale, è un’esclamazione, un’espressione della passione per l’arte e per la figura dell’artista. VIVA ARTE VIVA è una Biennale con gli artisti, degli artisti e per gli artisti, sulle forme che essi propongono, gli interrogativi che pongono, le pratiche che sviluppano, i modi di vivere che scelgono.

La prima visita è dedicata all’esplorazione dei Giardini e si svolgerà indicativamente dalle ore 10.00 alle ore 17.00.

Per partecipare alla visita è necessaria la prenotazione e il versamento anticipato della quota.
Il costo è di 25,00€ (comprensivo di guida e ingresso Giardini+Arsenale) da versare anticipatamente.

E’ prevista anche la visita all’Arsenale in data da definire, con una quota di partecipazione di 10€.

Per info e prenotazioni: 0422 419990 / segreteria@trevisoricercaarte.org

Scarica il programma qui.

Visita a ‘Lost in Arcadia’

trasporti d’arte
con commento di Carlo Sala

Se non avete ancora visitato la mostra “Lost in Arcadia”, esposta nelle sale temporanee del Museo Bailo e a Ca’ dei Ricchi, o se avete piacere di approfondirla meglio, questo è il momento giusto!
TRA organizza una visita dedicata alla mostra con il commento del critico e curatore Carlo Sala, che per l’occasione ci fornirà alcuni spunti di lettura della linea curatoriale di Andrea Bruciati (curatore della mostra) e ci parlerà degli importanti autori coinvolti come Arturo Martini, Lucio Fontana, Paul McCarthy, Roman Opalka, ecc.
L’incontro è previsto alle ore 18.30 presso l’ingresso del Museo Bailo e si concluderà alle ore 20.00 a Ca’ dei Ricchi. Per partecipare è necessaria la prenotazione.

Ingresso gratuito per i Soci TRA
Prenotazione obbligatoria

Fondaco dei Tedeschi – Cimitero di S. Michele

Trasporti d’arte
29 aprile, ore 14
visita a cura di Giovanni Carli

Non avete ancora avuto modo di visitare il Fondaco dei Tedeschi dopo il suo restauro, godendovi lamagnifica vista dalla terrazza? Il Cimitero di San Michele vi ha sempre affascinato, ma vorreste sapernequalcosa di più?

TRA Treviso Ricerca Arte organizza la visita che fa per voi sabato 29 Aprile! Grazie alla guida di Giovanni Carli, scopriremo la storia e gli aneddoti più curiosi di questi due luoghi così diversi e così interessanti!

INFO VISITA:

  • ore 14: ritrovo davanti la stazione dei treni di S. Lucia, da cui si prenderà il vaporetto per l’isola di S. Michele e visitare il Cimitero.
  • ore 16: partenza dall’isola per andare al Fondaco dei Tedeschi, dove è previsto la salita sulla terrazza.
  • ore 18: fine della visita.

Per partecipare alla visita è necessaria la prenotazione e il versamento della quota d’iscrizione di 15 €.

Per info e prenotazioni: 0422 419990 / segreteria@trevisoricercaarte.org

Scarica il programma qui.

Palazzo Strozzi – Centro Pecci

Trasporti d’arte
3 dicembre, ore 8.30
visita a Palazzo Strozzi e al Centro Pecci di Prato

Sabato 3 dicembre TRA vi propone una nuova giornata dedicata all’arte contemporanea!

Prima tappa Firenze per visitare la prima grande mostra italiana dedicata a uno degli artisti più conosciuti e controversi degli ultimi tempi, Ai Weiwei. Una retrospettiva straordinaria che presenta un percorso tra installazioni monumentali, sculture e oggetti simbolo della sua carriera, video e serie fotografiche dal forte impatto politico e simbolico. Il tutto all’interno di Palazzo Strozzi che viene utilizzato per la prima volta come spazio espositivo unitario, creando un’esperienza totalmente inedita per i propri visitatori ed esaltando una delle peculiarità più care all’arte di Ai Weiwei, il rapporto tra tradizione e modernità, in un luogo simbolo della storia di Firenze.

Dopo una pausa pranzo fiorentina, il percorso prosegue verso il Centro Pecci di Prato. La struttura ha riaperto le porte al pubblico il mese scorso, dopo il completamento dell’avveniristico ampliamento a forma di navicella spaziale dell’architetto di stanza a Rotterdam Maurice Nio e la riqualificazione dell’edificio originario di Italo Gamberini. In questa occasione viene presentata la mostra “La fine del mondo” che, configurandosi come una specie di esercizio della distanza, spinge il visitatore a vedere il proprio presente da lontano. L’impressione è quella di rivedere il mondo di oggi come se fosse un reperto fossile, lontano ere geologiche dal tempo presente, con la sensazione di essere sospesi in un limbo tra un passato ormai lontanissimo e un futuro ancora distante.

Ecco il programma nel dettaglio:

  • Sabato 03.12 ritrovo alle ore 08.30;
  • Arrivo a Firenze, visita alla mostra “Ai Weiwei libero” alle ore 12.00 e pranzo in città;
  • Arrivo a Prato e visita alla mostra “La fine del mondo” alle ore 15.30;
  • Segue visita a TU35 presso L’Officina Giovani di Prato;
  • Rientro previsto verso le 21.30.

La quota di partecipazione è di 85€, comprensivi di viaggio in pullman a/r, visita guidata e biglietto d’ingresso per tutte le sedi. La quota andrà saldata al momento della prenotazione o, in ogni caso, prima della visita presso i nostri uffici (contante o carta) o tramite bonifico bancario (Banca Popolare Volksbank Treviso, IT 68 R 05856 12003 207573002341).

Prenotazioni entro il 24 novembre!
segreteria@trevisoricercaarte.org / 0422 419990 / 339 6443542

Emilio Igrò a Milano

Trasporti d’arte
18 settembre, ore 10
visita guidata con Emilio Igrò

TRA organizza per i suoi Soci e non solo una giornata dedicata a Emilio Isgrò, artista amico dell’Associazione. Milano gli ha reso omaggio a Emilio Isgrò con una grande antologica contemporaneamente allestita in più sedi, a cura di Marco Bazzini. Sono tre le sedi del progetto espositivo: Palazzo Reale, dove è esposta una selezione di lavori storici ricca di oltre 200 opere tra libri cancellati, quadri e installazioni; alle Gallerie d’Italia l’anteprima del celebre ritratto di Alessandro Manzoni dipinto da Hayez e cancellato in bianco; la Casa del Manzoni, sempre con un nuovo lavoro: I promessi sposi cancellati per venticinque lettori e dieci appestati.

A guidare la visita sarà lo stesso Emilio Isgrò.

Per ulteriori informazioni su prezzi e orari:
segreteria@trevisoricercaarte.org / 0422 419990

15. Biennale Architettura

Trasporti d’arte
visita guidata a cura di Giovanni Carli

Ultima possibilità per chi ancora non avesse visitato la 15. Biennale Architettura “Reporting from the front” curata da Alejandro Aravena, con la visita guidata tenuta da Giovanni Carli.

Una giornata dedicata all’architettura, le cui nuove parole chiave sono sostenibilità, durata, spontaneismo, autocostruzione, collettivo, come ha dichiarato Aravena: «Vorrei che questa Biennale cambiasse l’approccio dei progettisti e dei decision maker spingendoli a considerare delle alternative alle convenzioni. Non si può rispondere a nuove domande su scala globale con vecchie risposte. Bisogna superare la mediocrità del mercato e includere la gente nel processo decisionale».

La visita partirà alle 10 dai Giardini della Biennale, con ritrovo alle 9.30 di fronte alla biglietteria, per continuare, dopo la pausa pranzo, all’Arsenale e concludersi verso le 17:30.

Il costo è di 30€, comprensivi di guida e biglietto, che andranno saldati al momento della prenotazione o, in ogni caso, prima della visita presso i nostri uffici o tramite bonifico bancario.

Banca Popolare Volksbank Treviso
IT 68 R 05856 12003 207573002341

*TRA si riserva di annullare la visita in caso nel caso non venga raggiunto il numero minimo di partecipanti.

Per ulteriori informazioni:
segreteria@trevisoricercaarte.org / 0422 419990

Giovanni Carli, Montebelluna (Tv) 4/12/1983, consegue la Laurea Triennale presso il Politecnico di Milano con la tesi teorica dal titolo Le Tele di Aracne: metamorfosi di un mito. Studi sulle trasformazioni della città. Si iscrive alla laurea Magistrale in Architettura per il Paesaggio presso l’Università IUAV di Venezia dove consegue il diploma di Laurea nel 2010 con una tesi sperimentale sulla rilettura dei processi antropici che si attivano all’interno del bacino lagunare veneziano proiettando visioni di un possibile destino futuro, dal titolo STP: Scarti Trasformazioni Paesaggi, Scenari Progettuali per la Laguna di Venezia, pubblicata nel volume The landscape of waste edito da Skira a cura di Sara Marini e Alberto Bertagna, con i quali continua a collabora in ambito accademico e in attività di ricerca. Dal 2014 è dottorando in Architettura e Design presso il Dipartimento di Scienze per l’Architettura della Scuola Politecnica dell’Università degli Studi di Genova. Attualmente è autore per la sezione Architettura del magazine Elle Decor Italia.
Sul piano professionale lavora nel 2011 presso Studio Archea Associati di Firenze e nel 2012, trasferitosi in Inghilterra, collabora con lo studio di architettura The Manser Practice e l’officina creativa Panchal Ltd. di Londra.

 

 

Collezione Maramotti – MaTa – Gallaria Mazzoli

Trasporti d’arte
28 novembre, ore 8.00

TRA Treviso Ricerca Arte riserva ai propri Soci la possibilità di partecipare alla nuova visita guidata organizzata dall’Associazione!
Ci dirigeremo a Reggio Emilia per visitare la nota Collezione Maramotti, una delle collezioni d’arte contemporanea tra le più ampie in Italia, ci sposteremo poi a Modena per visitare MaTa il nuovissimo centro per l’arte contemporanea. Infine termineremo con una visita ad una delle gallerie più influenti del panorama contemporaneo, la Galleria diretta da Emilio Mazzoli.

Collezione Maramotti
Circa trent’anni fa’ Achille Maramotti, fondatore della Casa di moda Max Mara, decise di costituire una raccolta d’arte contemporanea che diventasse poi un luogo esemplare di fruizione estetica e intellettuale aperto a un pubblico di conoscitori e interessati. Nel 2003, quando l’azienda Max Mara, nel frattempo fortemente ampliatasi, si trasferì in una nuova sede generale, che gli spazi dell’edificio originale vennero destinati ad ospitare la collezione d’arte contemporanea di Achille Maramotti. La Collezione comprende diverse centinaia di opere d’arte realizzate dal 1945 a oggi, di cui oltre duecento in esposizione permanente, che rappresentano in profondità alcune delle principali tendenze artistiche italiane e internazionali degli ultimi cinquant’anni. Distribuita in quaranta sale, la collezione permanente è principalmente costituita da dipinti, ma vi figurano anche sculture ed installazioni. Gli artisti sono presentati con opere significative della loro irruzione iniziale sulla scena artistica, quando cioè il loro lavoro introduceva elementi di sostanziale novità nella ricerca contemporanea.

MaTa
MaTa, acronimo di Manifattura Tabacchi, è il nuovo spazio dedicato alla cultura cui il Comune di Modena ha dato vita, al suo interno la mostra Il manichino della storia curata da Richard Milazzo, presenta 90 capolavori appartenenti a collezioni private del territorio, realizzati nel periodo compreso fra gli anni Ottanta e i nostri giorni. Nel percorso espositivo dipinti, sculture, fotografie e installazioni realizzati negli ultimi tre decenni soprattutto in ambito newyorchese. Tra i movimenti Concettualismo, Appropriation art, Neo-Pop, Superkitsch, Arte povera, Transavanguardia, Neo-espressionismo, varie modalità di Realismo, YBA (Young British Artists), Scuola di Düsseldorf, Figurazione, Astrattismo, Iperrealismo, e via e via, etichette con cui la critica e l’organizzazione del mercato hanno tentato di effettuare una presa entro un divenire accelerato che ostenta sempre il superamento di un movimento sull’altro.

Galleria Mazzoli
A Modena c’è una galleria che ha fatto la storia dell’arte contemporanea italiana che prende il nome dal suo fondatore e proprietario, Emilio Mazzoli. La sua importanza è data dall’aver anticipato, fatto crescere e poi cavalcato la più grande stagione pittorica che ha avuto l’Italia nel Novecento, e più precisamente nei primi anni ottanta, ovvero la Transavanguardia. Mazzoli, ex maestro elementare, aprì la galleria a Modena nel 1977 , da quel momento ad oggi ha saputo individuare e anticipare i movimenti artistici e i protagonisti dell’arte contemporanea.

PROGRAMMA

  • 7:45 Ritrovo presso parcheggio Sportler, fronte uscita Autostradale TV SUD 8:00
  • 10:45 Arrivo presso Collezione Maramotti
  • 11:00 Visita guidata mostra permanente, durata 2h
  • 13:15 Partenza per Modena (40 minuti)
  • 14:15 pranzo al bar vicino al MATA
  • 15:00 visita guidata MATA durata 1h
  • 16:30/17:00: Galleria Mazzoli (7 minuti a piedi da MATA)
  • 18:00 Partenza
  • 20:30/21:00 Rientro a Treviso

COSTI

La partecipazione è riservata ai Soci TRA, la quota di partecipazione è di 20€ a persona ai quali si aggiungono i costi di autostrada e carburante.

PRENOTAZIONI

I posti sono limitati, vi consigliamo di riservare la vostra prenotazione entro e non oltre il 15 novembre mandando un email a segreteria@trevisoricercaarte.org o telefonando a 0422 419990.

Scarica il programma qui.

56. Biennale Arte – Arsenale

Trasporti d’arte
visita a cura di Carlo Sala

TRA organizza una giornata all’insegna dell’arte contemporanea nella parte dell’Arsenale e delle Corderie della 56° Esposizione internazionale d’arte dal titolo ‘All The World’s Futures’ diretta da Okwui Enwezor e organizzata dalla Biennale di Venezia.

La visita, con la guida di Carlo Sala, è prevista per tutta la giornata, nelle giornate di domenica 28 giugno, e di domenica 26 luglio a partire dalle 10:30.

Il costo della partecipazione è di 20€ (Guida + ingresso Giardini e Arsenale) invece di 25€ (solo ingresso Giardini e Arsenale).

Per partecipare è necessario prenotarsi presso:
segreteria@trevisoricercaarte.org
+39 0422 419990

56. Biennale Arte – Giardini

Trasporti d’arte
visita a cura di Carlo Sala

TRA organizza una giornata all’insegna dell’arte contemporanea tra i Padiglioni dei Giardini della 56° Esposizione internazionale d’arte dal titololon ‘All The World’s Futures’ diretta da Okwui Enwezor e organizzata dalla Biennale di Venezia.

La visita, con la guida di Carlo Sala, è prevista per tutta la giornata, nelle giornate di domenica 28 giugno, e di domenica 26 luglio a partire dalle 10:30.

Il costo della partecipazione è di 20€ (Guida + ingresso Giardini e Arsenale) invece di 25€ (solo ingresso Giardini e Arsenale).

A settembre, in data da definirsi, è prevista anche la visita all’Arsenale.

Per partecipare è necessario prenotarsi presso:
segreteria@trevisoricercaarte.org
+39 0422 419990

Collezione Panza – Studio Isgrò – Dialogo nel buio

Trasporti d’arte
11 – 12 aprile

TRA Treviso Ricerca Arte propone ai propri Soci un weekend ricco di arte, cultura ed esperienze!

Un’occasione per visitare insieme una tra le collezioni italiane d’arte contemporanea più importanti e note: Collezione Giuseppe Panza di Biumo, presso l’incantevole e suggestiva Villa Litta Menafoglio Panza di Biumo a Varese.

Lo stesso giorno saremo ospiti alla Galleria Bianconi di Milano dove la titolare, Renata Bianconi, ci accompagnerà a visitare la mostra collettiva di pittura “Un amore asimmetrico”.

Il weekend proseguirà poi con una visita davvero speciale presso lo studio di Emilio Isgrò, dove lo stesso Maestro ci mostrerà alcune delle sue opere e lo spazio in cui lavora.

Infine un’esperienza indimenticabile con la visita alla mostra “Dialogo nel buio”, realizzata in completa assenza di luce.

I posti sono limitati e riservati ai Soci TRA, si prega pertanto di comunicare il proprio interesse il prima possibile.

Scarica il programma qui.