Incontrart

Essere Corpo

Con l’autore Tancredi Artico
12 luglio, ore 20.45
In collaborazione con IoDeposito, nell’ambito del programma B#side War

All’interno del periodo di esposizione della mostra ‘Organic Memory’, in collaborazione con IoDeposito, TRA propone un appuntamento dedicato al ruolo del corpo tra letteratura e storia nella prima guerra mondiale, che viene indagato nel volume ‘Essere Corpo’ a cura di Tancredi Artico, composto da sedici saggi che forniscono una panoramica sul valore testimoniale del corpo, assumendolo come oggetto di studio e come voce autentica della memoria, per sondare l’esperienza del corpo nella Grande Guerra.

Video Art Night

Con l’artista Vanessa Gageos
5 luglio, ore 20.45
In collaborazione con IoDeposito, nell’ambito del programma B#side War

All’interno del periodo di esposizione della mostra ‘Organic Memory’, in collaborazione con IoDeposito, TRA propone una serata dedicata alla Video Art.
Per l’occasione sarà ospite l’artista Vanessa Gageos che presenterà alcune sue opere. La presentazione tratterà inoltre opere video di artiste che hanno elaborato i temi della memoria e del conflitto, affrontandoli con un approccio materico, legato alla vita e agli elementi primordiali.
In proiezione, i video Black Hole di Vanessa Gageos (Romania), Burning Eyes di Nathalie Vanheule (Belgio), Conflict di Victoria Lucas (Inghilterra) e Tales of the Mothertongue di Estabrak Al Ansari (Oman).

Incontro con Raimond Wouda, Céline Clanet e Jan Stradtmann

3 maggio, ore 20.30
Incontro con Raimond Wouda, Céline Clanet e Jan Stradtmann.
modera Gianpaolo Arena

1KM è un’iniziativa unica nel suo genere, un progetto culturale collaborativo che ha coinvolto per un anno un’agenzia di comunicazione, una società che lavora nel campo dell’Information Technology, uno dei più importanti magazine di fotografia contemporanea e tre fotografi internazionali. Durante la serata Raimond Wouda, Céline Clanet e Jan Stradtmann, i fotografi che hanno partecipato al progetto ci racconteranno la loro esperienza insieme al curatore Gianpaolo Arena.

Ingresso riservato ai soci Tra

Joseph Beuys: Fluxus e la controcultura

12 aprile, ore 20.45
Per la rassegna ‘Incontrart’
a cura di Carlo Sala

Negli anni Sessanta in Europa e Stati Uniti accanto a quella ufficiale è nata una controcultura che ha sollevato temi di carattere sociale e politico. Fluxus è stato il movimento più radicale opponendosi al mercato e innovando il linguaggio artistico mediante le performance, composizioni e video di Yoko Ono, George Maciunas e Nam June Paik. Tra i suoi protagonisti Joseph Beuys, artista e intellettuale, è stato una tale figura carismatica tanto da essere ribattezzato “lo sciamano dell’arte”.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

Andy Warhol: il cantore della società di massa

22 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Incontrart’
a cura di Carlo Sala

Gli anni Sessanta hanno visto l’affermarsi negli Stati Uniti di una nuova tendenza, la Pop Art, che ha raccontato la società del tempo riprendendo le immagini della cultura di massa: dalla pubblicità al cinema fino al fumetto. Figura centrale è stata Andy Warhol, pittore, regista e promotore della Factory che diverrà uno dei punti di riferimento della cultura newyorchese e internazionale unendo arti visive, musica e performance.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

Francis Bacon: l’umanità tormentata

8 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Incontrart’
a cura di Carlo Sala

Gli anni Cinquanta hanno portato alla ribalta una serie di grandi pittori figurativi che hanno indagato nel profondo l’animo umano. Tra questi l’irlandese Francis Bacon, celebre per ritratti e citazioni di opere del passato dove ha trasfigurato e contorto le anatomie creando delle presenze cariche di angoscia e tormento. Anni che hanno visto emergere anche altre importanti figure “solitarie” come Balthus e Lucian Freud.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

Jackson Pollock: pulsioni astratte

22 febbraio, ore 20.45
Per la rassegna ‘Incontrart’
a cura di Carlo Sala

Terminata la seconda guerra mondiale si assiste a livello internazionale ad una grande rinascita dell’arte all’insegna dell’astrazione. Uno dei maggiori protagonisti è Jackson Pollock: esponente dell’action painting americana ha rinnovato il concetto stesso di pittura attraverso le sue rivoluzionarie tele realizzate con la tecnica del dripping, la sgocciolatura del colore. Un decennio, i Cinquanta, che hanno visto anche un grande fermento in Europa con l’avvento della pittura informale.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

‘A sangue freddo’ di Silvia Costa e ‘La parola, lo sguardo, il gesto’ di Chiara Andrich

16 novembre, ore 20.45
Per la rassegna IncontrART
A sangue freddo di Silvia Costa – performance
La parola, lo sguardo, il gesto di Chiara Andrich – documentario

La performance
trae la sua origine da una serie di immagini realizzate per un progetto fotografico, come una sorta di appendice temporale, nel quale il corpo immortalato si fa materia di studio di un processo di disgregazione degli strati. Il corpo umano viene così sottoposto allo sguardo del pubblico come se ci si trovasse in una sala anatomica.

Il documentario
che seguirà la performance, e ad essa collegato, è dedicato al lavoro di tre artiste venete del teatro e delle arti performative: Silvia Costa, Anna de Franceschi ed Alice Di Lauro. Silvia si dedica ad un teatro di ricerca, Anna lavora come attrice e clown, infine Alice che è impegnata nella ricerca di una gestualità poetica. Tre giovani donne che raccontano la passione per il loro lavoro, le loro esperienze e le loro poetiche artistiche, accomunate da un processo di conoscenza di sè ed esplorazione interiore.

Ingresso riservato ai soci Tra

Around the poetry #1

16 luglio, ore 20.45
Per la rassegna ‘IncontrArt’
Introduzione di Carlo Sala e Patrizio Peterlini
Regia di Piero Matarrese
Sceneggiatura di Patrizio Peterlini
Documentario, Italia, 2015
Durata 57′. Italiano

Il documentario tratta di alcune inaugurazioni succedutesi nell’arco di 4 giorni nel 1995: “Poesia Visiva e dintorni. L’Ultima avanguardia” a Spoleto; “Sarenco. Opere recenti” alla Rocca di Umbertide e”Vanessi. Archeologica” a Fabriano. Alla settimana hanno partecipato una ventina di poeti internazionali, Emmett Williams a Julien Blaine, da Ito Motoyuki a Karel Trinkewitz.
Il film contiene spezzoni delle numerose performances, delle interviste e una discussione sulla scrittura congiunta di un manifesto della poesia visiva. Immagini di backstages, ricche di gags e momenti insoliti e divertenti. Interverranno Piero Matarrese e Patrizio Peterlini.

Ingresso riservato ai soci Tra

Culture, territori ed elementi di geomorfologia

6 luglio, ore 20.45
Per la rassegna ‘Incontrart’

In vista dell’inaugurazione del prossimo progetto d’arte pubblica nel vicino comune di ‘Nervesa della Battaglia’ organizzato dall’associazione ‘Front of Art’, TRA propone un talk culturale sul legame paesaggio-arte. Saranno ospiti il professor Riccardo Caldura, docente all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Bashir Maroun, membro del precedente council of Bcharre (Libano), via skype Lucia Giardino, co-fondatrice e co-direttrice del progetto di residenza d’artista ‘GuilmiArtProject’ in Abruzzo, il geologo Nicola Dalla Libera e lo storico dell’arte Carlo Sala.

L’intento della serata è quello di creare una piccola cornice in cui vi sarà spazio per diversi interventi e prospettive sul tema del paesaggio, alcuni più legati all’aspetto culturale-antropologico, altri più alla geografia del territorio. Un’occasione per riflettere circa il rapporto territorio e cultura, secondo diversi punti di vista.

Durante la serata verrà inoltre presentato il progetto di Nervesa ‘Confluenze. Dal fiume Qadishia al Piave.’, in cui sei giovani artisti libanesi e due artiste italiane in residenza artistica sul luogo dal 29 giugno al 13 luglio proporranno dei progetti che saranno realizzati sul Piave, sul Montello e a Nervesa in collaborazione con bambini ed adulti del comune, che contribuiranno attivamente alla creazione delle varie opere, in un clima di scambio culturale reciproco e reale.

Ingresso riservato ai soci Tra

Christian Boltanski. Memorie e conflitti

 9 marzo, ore 20.45
con Carlo Sala

Ultimo appuntamento dedicato alla fotografia contemporanea. Il protagonista di Incontrart sarà Christian Boltanski, uno dei maggiori artisti contemporanei, ha un profondo rapporto con il concetto di memoria.
Le sue installazioni fotografiche hanno spesso per tema fatti storici che rappresentano delle “cicatrici” della storia recente, narrate a partire dal ricordo dei loro protagonisti: dalle immagini dei volti dei partigiani caduti agli oggetti delle persone scomparse in tragedie come quella dell’aereo caduto a Ustica nel 1980. Negli ultimi decenni altri autori hanno ragionato in senso critico sui ‘conflitti’ contemporanei, come Aldredo Jaar con il famoso Rwanda Project dedicato al genocidio africano, proponendo una fotografia che si distacca dalle immagini dello shock per creare delle memorie visive consapevoli e rispettose in grado di toccare le coscienze dei fruitori.

Ingresso riservato ai soci Tra

Chiara Casarin. L’autenticità nell’arte contemporanea

2 marzo, ore 20.45
con Chiara Casarin e Patrizia Magli

Presentazione del volume di Chiara Casarin ‘L’Autenticità nell’Arte Contemporanea’ ZeL Edizioni, Treviso, 2015. Dedicato a collezionisti, gallerie, artisti e teorici o amanti dell’arte, questo libro rappresenta una svolta nell’interpretazione del concetto di autenticità e fornisce una chiave di lettura per tutti quei casi in cui questa venga messa in discussione. Citando esempi che spaziano dall’antichità ai nostri giorni, l’autrice stabilisce un terreno ricco di casi esemplari sui quali poi costruisce una teoria estetica di fondamentale importanza per la contemporaneità.
Cos’è un falso? E un facsimile? Nel contemporaneo una copia può avere più valore dell’autentico? Nell’ultimo secolo la percezione dell’arte, con tutti i suoi significati, è notevolmente cambiata. Ora si studiano dei piani per salvaguardare almeno il ricordo delle opere antiche a rischio di distruzione e si realizzano sofisticati programmi per riprodurre il più fedelmente possibile ciò che rischia di non essere mai più visto. La tecnologia evolve e di pari passo l’arte muta se stessa e i canoni secondo cui deve essere letta.

Le relazioni che l’opera d’arte intrattiene con il suo autore o con il periodo storico a cui appartiene, sembrano non possedere l’efficacia di un tempo in quanto nel contemporaneo i significati di autenticità e autorialità sono mutati. Questo libro propone una soluzione, un modello teorico che consente di capire questi fenomeni nonostante si tratti di un ambito spesso viziato dall’emotività. Il presupposto di partenza è che valore artistico e valore di mercato non sempre coincidono e, soprattutto, che un giudizio di falsità non è detto sia per sempre.

Ingresso riservato ai soci Tra

 

Joan Fontcuberta. L’immagine manipolata

24 febbraio, ore 20.45
a cura di Carlo Sala

Joan Fontcuberta con ironia e spirito critico confonde la nostra percezione per impedirci di comprendere dove finisce il reale e dove inizia la magia dell’artificio: presunte specie di animali estinti, il racconto di un cosmonauta dimenticato o il lontano monastero in cui si insegna a compiere i miracoli. In questi ultimi decenni dominati da una proliferazione di immagini omologate, oltre allo spagnolo, artisti come Thomas Ruff o Erik Kessel hanno operato manipolazioni, “trucchi” ed errori per rinnovare le forme espressive e dar vita a riflessioni sui limiti e sulle potenzialità del linguaggio artistico.

Ingresso riservato ai soci Tra

Andres Serrano. Lo spettacolo del reale

10 febbraio, ore 20.45
A cura di Carlo Sala

Dagli anni Novanta ad oggi molti fotografi internazionali hanno trattato il tema del reale, attraverso una visione che lo spettacolarizza, quasi fosse mutuata dalla cultura televisiva dei Reality show: l’intimità domestica fatta di sesso e droga dei personaggi di Nan Goldin, i giovani delle metropoli tedesche raccontati da Wolfgang Tillmans o i crudi scatti di Andres Serrano della serie Morgue realizzati negli obitori americani attraverso una estetica della vanitas che sembra rimandare alle composizioni della pittura antica.

Ingresso riservato ai soci Tra

Giacinto di Pietrantonio, Giorgio Fasol e Matteo Attruia

9 dicembre, ore 20.45
Per la rassegna IncontrART

Mercoledì 9 dicembre IncontrART avrà come protagonista una Conversazione a più voci. Giacinto Di Pietrantonio, Direttore della GAMEC di Bergamo e il noto collezionista Giorgio Fasol, si apriranno con il pubblico della serata ad un dialogo dai risvolti inaspettati e non previsti, affrontando tematiche e dinamiche artistiche di diversi periodi storici.
Durante l’incontro saranno estratti a sorte alcuni dei progetti e delle idee dell’artista Matteo Attruia, in mostra presso TRA fino al 13 dicembre, e partendo proprio dalle idee selezionate avrà inizio la conversazione che, di volta in volta durante la serata, seguirà e si adatterà al flusso degli stimoli proposti e sorteggiati.

Ingresso riservato ai soci Tra