Contemporaneamente

Emergency x Contemporaneamente. Racconti e architetture dal fronte

Mercoledì 13/11, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente3. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

La terza edizione della rassegna “Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo”, a cura di Giovanni Carli, continua a indagare la cultura contemporanea delle discipline del progetto. Architettura, design, moda e arti visive sono interpretate come azioni sullo spazio che abitiamo nella sua più completa estensione scalare: dal corpo alla città.

Con Paola Carmignola, Giovanni Carli

La collaborazione tra Emergency Treviso e TRA apre a un momento di riflessione e approfondimento sulle ragioni sociali del progetto architettonico. La serata propone un itinerario in zone sensibili del pianeta per conoscere il lavoro umanitario di Emergency e diffondere le notizie dal fronte in cui si intrecciano storie di persone e di luoghi. La sinergia tra Emergency e importanti studi internazionali di progettazione come TAM Associati e Renzo Piano Building Workshop sottolinea il ruolo civile di un’architettura che combatte contro l’ineguaglianza, la segregazione, la discriminazione e promuove azioni di integrazione, formazione e sostenibilità.

Ingresso riservato ai soci TRA o con offerta responsabile.

Foto:
Renzo Piano Building Workshop, Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica di Entebbe, Uganda 2019. Photo courtesy Emergency.

Prossimo incontro:
Mercoledì 27/11, ore 20.45
Vestire contro. Il Dressing Design di Archizoom
Elena Fava, chairman Giovanni Carli

On Display Design Contest. Il progetto contemporaneo della mostra

21 maggio, ore 20.45
Per la rassegna CONTEMPORANEAMENTE3. ARCHITETTURA E DESIGN DAL XXI SECOLO
a cura di Giovanni Carli

La terza edizione della rassegna Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo (a cura di Giovanni Carli) continua a indagare la cultura e la storia contemporanea delle discipline del progetto. Architettura, design, moda e arti visive sono interpretate come azioni sullo spazio che abitiamo e nel quale ci muoviamo, nella sua più completa estensione scalare, ovvero dalla città al nostro stesso corpo.

La terza puntata del Design Contest all’interno della rassegna Contemporaneamente, in collaborazione con l’architetta Silvia Bertoncini, esplora progetti di mostre che hanno segnato la cultura del display negli ultimi vent’anni. La pratica di fare mostre include una serie di operazioni tra loro correlate, ovvero la cura dei contenuti, la costruzione di una narrazione, l’architettura dell’allestimento. Superando le stanze statiche e polverose del museo convenzionale, oggi la mostra contemporanea richiede strategie di coinvolgimento del pubblico e sfrutta la rete di relazioni possibili tra musei e istituzioni. I protagonisti del contest si sfideranno su tre tipologie di racconto: la collezione permanente, l’esposizione temporanea e l’azione di trasformazione sullo spazio, per un totale di sei progetti selezionati quali manifesti di una nuova cultura di interpretazione del secolare rapporto tra contenuto e contenitore.
Alla platea l’ultima sentenza!

Ingresso riservato ai soci TRA o con offerta responsabile.

Immagine: Anna Wanda Gogusey, Visite Naturiste, Palais de Tokyo, Paris 2018

I Love Shopping. Architettura in vetrina

17 aprile, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente3. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

La terza edizione della rassegna Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo, a cura di Giovanni Carli, continua a indagare la cultura e la storia contemporanea delle discipline del progetto. Architettura, design, moda e arti visive sono interpretate come azioni sullo spazio che abitiamo e nel quale ci muoviamo, nella sua più completa estensione scalare, ovvero dalla città al nostro stesso corpo.

L’esercizio del commercio è uno dei princìpi cardine dell’ Homo Sapiens Sapiens. Dal negotium romano al mercato spontaneo, dalla boutique d’alta moda al department store di modello anglosassone e oltre: è questo il racconto spaziale racchiuso in “I Love Shopping. Architettura in vetrina”. Come l’architetto e teorico olandese Rem Koolhaas ci ha insegnato, due sono le grandi invenzioni che hanno rivoluzionato lo spazio dell’acquisto nel corso del Novecento: l’aria condizionata e la scala mobile. Oggi altri fantasmagorici elementi, partoriti da avide e seducenti teorie di guadagno, stanno alterando l’orizzonte della quotidiana (e quanto mai necessaria!) pratica dello shopping, sempre meno fisica e sempre più virtuale. Venghino signori venghino! All cards accepted. No American Express.

Ingresso riservato ai soci TRA o con offerta responsabile.

Immagine: Future System_Comme des Garcons store_New York_2005

Italy @ Work. L’Italia di Gio Ponti

20 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

La terza edizione della rassegna “Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo”, a cura di Giovanni Carli, continua a indagare la cultura e la storia contemporanea delle discipline del progetto. Architettura, design, moda e arti visive sono interpretate come azioni sullo spazio che abitiamo e nel quale ci muoviamo, nella sua più completa estensione scalare, ovvero dalla città al nostro stesso corpo.

Architetto, designer, editore, direttore creativo, professore, pittore… la figura di Gio Ponti è legata all’eterogeneità dei saperi e alle molteplici espressioni della disciplina architettonica. Italy @ Work. L’Italia di Gio Ponti traccia un percorso che attribuisce al Maestro milanese l’invenzione e la diffusione del Made in Italy, perché come egli stesso sostiene “l’Italia l’han fatta metà Iddio e metà gli Architetti”.
Autore di edifici divenuti iconici, creatore di oggetti cult, direttore di magazine come «Stile» e «Domus», Gio Ponti educa la società italica del boom a riconoscere il contributo del design d’autore nel quotidiano. Ed è la Milano degli anni Cinquanta e Sessanta la geografia intorno alla quale tutto ruota e tutto accade, la Milano ridisegnata da Ponti (e tanti altri nobili personaggi) che si rivela centro nevralgico del dibattito su teoria e progetto e laboratorio continuo della produzione in serie.

Ingresso riservato ai soci TRA o con offerta responsabile.

Prossimi appuntamenti:

– mercoledì 17/4, ore 20:45
New Publishing Actions. Unconventional magazines
– mercoledì 22/5, ore 20:45
On Display Design Contest. Storie e progetti di mostre
con Silvia Bertoncini

Confessions on the Dancefloor. Architettura e Club Culture.

13 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

La terza edizione della rassegna Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo, a cura di Giovanni Carli, continua a indagare la cultura e la storia contemporanea delle discipline del progetto. Architettura, design, moda e arti visive sono interpretate come azioni sullo spazio che abitiamo e nel quale ci muoviamo, nella sua più completa estensione scalare, ovvero dalla città al nostro stesso corpo.

Confessions on the Dancefloor. Architettura e Club Culture

Quando nel 1986 lo Studio 54 chiuse definitivamente le sue porte, la città di New York vide spegnersi uno dei luoghi più significativi ed eccessivi di fine millennio. Lo Studio 54 non ero solo una discoteca – parola nostalgica ormai scomparsa dal vocabolario contemporaneo dell’intrattenimento e che ci fa quasi sorridere – ma un’architettura in cui si produceva cultura, in cui nascevano tendenze, in cui l’arte della messa in scena, di personaggi e presunti tali, ha rivoluzionato la teoria dell’immagine. La tipologia architettonica del club, lo spazio che accoglie l’umana esigenza del divertissement, ritrova le sue storiche origini nelle sale da ballo di fastosi palazzi principeschi, rompe le rigide regole del Proibizionismo, raccoglie le espressioni di controculture e di fenomeni ultra-pop. Confessions on the Dancefloor. Architettura e Club Culture è un viaggio stroboscopico tra luci, corpi e allucinogeni. Indossate l’abito della festa e preparatevi a ballare…

Ingresso riservato ai soci TRA o con offerta responsabile.

Foto
Allan Tannenbaum / Getty Images. Clubgoers amid the light towers on the dance floor at Studio 54 in 1978
(da http://www.capradio.org/news/npr/story?storyid=549453578)

Prossimi incontri:
mercoledì 20 marzo 2019, 20.45h
Italy @ Work. L’Italia di Gio Ponti

mercoledì 17 aprile 2019, 20.45h
New Publishing Actions. Unconventional magazines

mercoledì 22 maggio 2019, 20.45h
On Display Design Contest. Storie e progetti di mostre (con Silvia Bertoncini)

 

RE.USE – Special Edition Contemporaneamente

RE.USE – Incontri di Architettura e Design

Mercoledì 28 novembre, h 20:45

Per un mondo senza fine. La re.invenzione del progetto (Parte II)

a cura di Giovanni Carli

La rassegna Contemporaneamente2. Architettura e design dal XXI secolo conclude l’edizione 2018 con la seconda parte di Per un mondo senza fine. La re.invenzione del progetto, appuntamento speciale sulle strategie del riciclo in omaggio alla mostra Re.Use. Scarti, oggetti ed ecologia nell’arte contemporanea. Se nella prima parte il racconto si è sviluppato intorno alla recycled theory del progetto architettonico, nella seconda parte saranno indagati gli approcci allo scarto nelle discipline del disegno industriale e della moda. Al centro della scena ci sono storie di personaggi ed oggetti unici capaci di produrre teorie e rivelazioni: istruzioni d’uso per durare nel Tempo. Nel cronochaos contemporaneo rimane significativa la celebrazione della reliquia: l’avanzo  è portatore di memoria e al tempo stesso anticipatore di resurrezione. Del resto non poco ci importa…

Ingresso riservato ai Soci TRA o con offerta libera.

Immagine: Confórmi, Giuseppe Perugini, Raynaldo Perugini, Uga De Plaisant, Experimental House, Fregene, Fiumicino, 1968-75 vs Jean-Léon Gérôme, Diogenes, 1860. © Davide Trabucco

Sponsor tecnico dell’evento:

Esercizi di stile: moda e città

30 maggio, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Una moda che non raggiunge le strade non è moda, diceva Coco Chanel, affermazione puntuale per sottolineare quanto Moda e Urbanitas siano strettamente legate. Obiettivo di Esercizi di stile: moda e città è quello di ‘cucire’ una sequenza di storie capaci di dimostrare come la Moda contribuisca attivamente alla costruzione e alla rivelazione della città. Non solo città dello shopping, pratica dello spendere che ha ormai cambiato luoghi e rituali, l’Architettura della Moda è strutturata su una sofisticata cultura del progetto, ne sono esempio i consolidati binomi tra stilisti/imprenditori e architetti (vedi Miuccia Prada e Rem Koolhaas) e le azioni rivoluzionarie di riscrittura dell’identità di storici marchi (vedi Alessandro Michele per Gucci). Se Architettura significa costruire per abitare, lo spazio abitato è il nostro habitus… di seta, di organza. di piume…

Ingresso riservato ai Soci TRA o con offerta responsabile.

 

Home Sweet Home Design Contest vol. II: HOLIDAY!

16 maggio, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli
con Silvia Bertoncini

Dopo il contest di ottobre 2017 il secondo appuntamento di ‘Home Sweet Home’ ci porta in vacanza: HOLIDAY! è un itinerario tra i più suggestivi e originali progetti di case per vacanze d’autore. Tre location uniche: sul mare, in montagna, tra laghi e colline, due oratori, due squadre, un solo vincitore: al pubblico l’ardua sentenza (n. b. solo maggioritario, no proporzionale). Tema centrale del racconto è il viaggio, ovvero quel temporaneo momento di sospensione dalla routine del quotidiano: la casa per vacanza offre l’occasione di liberare l’abitare contemporaneo dai dogmi della residenza di città; il progetto della vacanza apre a una maggiore libertà espressiva e a un immaginario tra sogno e realtà in cui la poetica del luogo ispira l’architettura. Have a seat, relax and vote!

Ingresso riservato ai Soci TRA o con offerta responsabile.

 

Ecclesia Mundi: il sacro nell’architettura

28 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Secondo appuntamento dedicato all’architettura e al design del XXI secolo.
Nella storia della costruzione della città il progetto dello Spazio del Sacro assume un ruolo strutturante: il mundus del rito latino di fondazione, la traccia del templum, la vertigine della cattedrale gotica che tende all’infinito, il disegno della Gerusalemme Celeste dimostrano come l’Architettura trovi la sua genesi nella ricerca di fissare in una figura l’essenza del Divino. Sopravvive ancora nella laicità imperante della contemporaneità l’idea di un’architettura che alimenti lo Spirito? Un excurcus tra il XX e XXI secolo approfondisce il significato architettonico della luce, della  metafisica, della transmistica e della fede.

Calendario prossimi appuntamenti:

16.05 Holiday! Itinerari di case d’autore
30.05 Esercizi di stile: la moda e la città.

Ingresso riservato ai Soci TRA o su offerta responsabile.

Porn Architecture: la cultura erotica del progetto

14 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Comincia la stagione 2018 della rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e Design dal XXI secolo’ a cura di Giovanni Carli.

Culto del corpo, erotismo ed edonismo dominano il panorama della contemporaneità. Nella società del benessere ad ogni costo, l’architettura, l’arte, la moda e il design sviluppano progetti di comunicazione che superando i taboo di rigore calvinista dimostrano l’esigenza di rompere le regole per evadere dalla monotonia del quotidiano: si costruisce così la città della provocazione, della sensualità, dell’irriverenza e del piacere. Dai quartieri a luci rosse delle metropoli alle performance di artisti che usano il proprio corpo come dispositivo di interazione, dalle teorie e pratiche “deliranti” di autori illustri all’ironia delle figure di oggetti/architetture, un viaggio nella seduzione dello Spazio Vietato ai minori. L’Architettura è nuda!

Calendario primi appuntamenti:

28.03 Ecclesia mundi: il sacro dell’architettura;
02.05 Esercizi di stile: la moda e la città;
16.05 Holiday! Itinerari di case d’autore.

Ingresso riservato ai Soci TRA o su offerta responsabile.

Crying at the biblioteque. Libri e Architetture

16 novembre, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Continua la rassegna di TRA Treviso Ricerca Arte dedicata all’architettura e al design, curata da Giovanni Carli. Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo consiste in una serie di incontri in cui scoprire le forme più contemporanee della forma d’arte più pratica, con cui ognuno di noi ha, spesso inconsapevolmente, a che fare ogni giorno.
La tipologia della biblioteca come tempio del sapere, dall’archivio ai database.

Sarà presente alla serata l’architetta e fotografa Sissi Cesira Roselli.

Ingresso riservato ai Soci TRA

Home sweet home: Design Contest

18 ottobre, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli
con la partecipazione dell’arch. Silvia Bertoncini

Continua la rassegna di TRA Treviso Ricerca Arte dedicata all’architettura e al design, curata da Giovanni Carli. Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo consiste in una serie di incontri in cui scoprire le forme più contemporanee della forma d’arte più pratica, con cui ognuno di noi ha, spesso inconsapevolmente, a che fare ogni giorno.
La casa di ieri oggi e domani; l’evoluzione dell’abitare contemporaneo dalla Villa Savoye alla casa domotica.

Ingresso riservato ai Soci TRA

Prossimi appuntamenti:
– 16 novembre / Architetture di carta. La biblioteca al tempo del digitale

On the silver screen

22 giugno, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

TRA Treviso Ricerca Arte propone a partire da marzo una nuova rassegna dedicata all’architettura e al design, curata da Giovanni Carli. Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo consiste in una serie di incontri in cui avremo modo di scoprire le forme più contemporanee della forma d’arte più pratica, con cui ognuno di noi ha, spesso inconsapevolmente, a che fare ogni giorno.
Architettura e design in cinemascope; storie di film in cui architettura e cinema sono protagonisti dell’azione, non solo sfondo della scena.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

Masters of Architecture

8 giugno, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Il primo appuntamento di giugno sarà un’opera in tre atti: OMA – SANAA – ALEJANDRO ARAVENA. Il racconto di tre studi professionali alla conquista del mondo, featuring Rem Koolhaas, Kazuyo Sejima e Alejandro Aravena: tre ex direttori artistici di Biennale, rappresentanti di tre continenti differenti.

Ingresso riservato ai Soci TRA.

Design Identity

30 marzo, ore 20.45
Per la rassegna ‘Contemporaneamente. Architettura e design dal XXI secolo’
a cura di Giovanni Carli

Design come forma d’arte o prodotto seriale? Gusto, decoro, stile sono termini portatori sani di ambiguità: il design è la ricerca del bello in forme utili o viceversa. La storia del design, disciplina ancora relativamente giovane, è il racconto del passaggio dal disegno artigianale al design industriale come prodotto per le masse. Le culture o le sottoculture del design, come della moda, sono rappresentazioni del Presente e proiettano verso il Futuro in quanto oggetti comuni e oggetti preziosi nascondono un profondo significato da cui non possiamo prescindere: sono entrambi progetti di una nuova visione dell’abitare la casa, la città o il pianeta.

Ingresso riservato ai Soci TRA